Il giro

 

 

Nella sala d’entrata si trova l’armadio d’archivio della sociétà cantonale bernese di tiro. Questo armadio é stato realizzato dalla famosa scuola d’intaglio di Brienz 1899. Le pitture all’interno e all’esterno sono opera del pittore Friedrich Traffelet (1897–1954).

Su per le scale al primo piano si vede lo sviluppo delle armi, dall’ arco a freccia fino alla balestra e delle armi da fuoco, dall’ arma ad operazione manuale fino al fucile moderno. Queste armi sono armi d’ordonanza soprattutto usati dai militari svizzeri; vengono anche usati a titolo privato da tiratori/trici in occasione delle feste federali di tiro.

Nella Galleria d’onore al primo piano si vedono esposte la figura di Konrad Stäheli, di San Gallo (1866–1931), 24 volte campione del mondo e campione olimpico a 300/50m. Tutto quel che questo tiratore a vinto durante le gare internazionali, non potrà più mai essere superato. Anche l’attuale campione del mondo, Marcel Bürge (1972), non riuscirà a superare questa prodezza. Osservando i ritratti di questi due tiratori e l’equipaggiamento si può ben vedere lo sviluppo dell’abbigliamento e delle armi. Marcel Bürge a participato con questi vestiti e armi al campionato mondiale a Lathi /Finlandia (2002).

Sapevate che esiste un fucile d’attacco che spara negli angoli? Questo fucile é stato particolarmente costruito e ha in effetti funzionato. E stato inventato per un film; E dimostrato in una vetrina speciale.

Nella grande Sala nelle vetrine basse, vedete le più preziose armi del museo: moschetti con lavori meravigliosi in ossa e corno, la più vecchia data del 1564. Le armi dimostrano la buona qualità dell’arte degli armaioli bernesi del 18° secolo, di Franz Ulrich e Christian Schenk. In un altra vetrina si trovano preziosi armi, consegnati in occasione di feste federali di tiro.

Nella grande Sala si ancho vede lo sviluppo delle feste federali di tiro dal anno 1824 fino ai nostri giorni. In fondo alla sala si trovano tutte le monete e talleri di tutte le feste federali di tiro.

Tra i piu importanti oggetti d’esposizione conta sicuramente la grande coppa d’argento. Il re d’ Ollanda l’ha fatta fare come regalo per la festa federale di Losanna nel anno 1876. Questa coppa pesa 12 kg e quattro lavoratori ci hanno lavorato durante il periodo di un anno. Nella stessa vetrina si trova anche la coppa in argento/oro, un dono d’onore del imperatore Tedesco Wilhelm II (1859–1941) in occasione della festa federale di tiro a Berna del 1910.

In un’altra vetrina ci sono i preziosi orologi di tiro da tasca. Un esemplare stupendo si puo ammirare nella vetrina della festa federale di tiro 1836 di Losanna. È sicuramente il primo e più bell’ orologio da tasca di tiro (in oro con astuccio originale) che mai è stato consegnato ad una festa federale. E un lavoro della scuola d’orologiaio di Chaux-de-Fonds. Sul coperchio si trovano gli stemmi cantonali siccome il tiro di Tell.

Lungo la scala dal 1. al 2. piano si trova una collezione tipologica del Dr. Günther, Freiburg i.B. Al soffitto si vedono diverse stemme, depositate al museo svizzero di tiro da varie associazioni e società.

Nella sala del 2. piano si trovano le vetrine in ordine alfabetico dal canton Argovia fino al canton Zurigo.

Nella vetrina alla parete e nella vetrina asei angoli ci sono premi vinti dalle nostre squadre in concorsi di competizioni internazionali. Il pelo dell’ orso (AMEKO), che la nostra squadra a vinto vivo nel anno 1937 a Helsinki come premio.

Nelle vetrine nel centro si trovano doni e regali di tiratori conosciuti, che hanno lasciato la loro collezione al museo svizzero di tiro. Si può ammirare la collezione della famiglia Perret-Bourquin di Neuchâtel, che discende da cinque generazioni di tiratori.

Alla parete sud, un armadio stupendo intagliato con bandiere del 19° secolo, della proprietà dei “tiratori scelti”.

Un’attrazione – specialmente per i visitatori giovani – è la vecchia installazione originale di tiro, del negozio per vestiti Frey, che su richiesta può ancora essere usata.

Grazie per la vostra visita!

Attuale

 

Exposizione speciale

 

Il deposito

→ Il deposito